domenica 29 maggio 2016

"Stu criatu" Enzo Gragnaniello [ musica in lingua napoletana ]






Prima di far partire il videoclip, "zittire" la colonna sonora del Blog.
Scendere, nella sezione "Audio", (in basso a Sinistra nella barra laterale), e fare clic sul corrispondente  pulsante blu " PAUSE ", all'interno del riquadro "radioblog".








 .





 .









    

'O saccio,' o saccio je sulamente 
chello c'aggia passato 
quanno l'angelo e 'vulato, 
chello c'aggio passato 
quanno l'angelo e' vulato 
c'aggio passato. 


'Na voce,' na voce m'o ripete 
nun perdere cchiu 'tiempo 
cerca d'essere falice, 
nun perdere cchiu' tiempo 
cerca d'essere falice, 
cerca d'essere falice 
nun ce sta tiempo. 


E cantano, cantano l'aucielli 
e cantano sultant  
quanno e 'santo' nu pensiero, 
e cantano sultant  
quanno e 'santo' nu pensiero, 
quanno e 'santo' nu pensiero 
ch canta l'auciello. 


'A notte, 'a notte tene 'e stelle 
' e ​​stelle hanno brillate  
fino a quanno l'ie 'guardate, 
'e stelle hanno brillate  
fino a quanno l'ie' guardate, 
fino a quanno l'ie 'guardate  
hanno brillato. 


'A pace, a pace è
 comme 'a pece  
e a mette 'ncopp 'o fuoco 
chillo nun e' capace, 
chillo ca nun e 'capace 
mette' o'fuoco sotto 'a pace, 
Mette' o fuoco sotto 'a  pace  
a chi nun e 'capace. 

'A vocca, 'a vocca e' comm 'e rosa 
quanno parla d'ammore 
Leva' e spine d'in parole 

quanno parle d'ammore 
leva' e spine d'in parole, 
Leva' e spina d'in parole 
si dice ammore. 


'A vita, 'a vita e' comme 'u morte 
Stanno vicine 'e casa 
nun se ponno appicceca ' 
Stanno vicine 'e casa 
nun se ponno appicceca', 
nun se ponno appicceca' 
Song u na cosa. 



E tu, e tu figlio 'e Maria 
tu nun si manca nate  
gia' si stato cundannato, 
tu nun si manca nate  
gia 'si stato cundannato, 
gia' si stato cundannato 
appena nate. 


'E figli, 'e figli song' e Dio 
'e nun se tocca niente 
chello ca e' stato criato, 
chello ca e 'stato criato 
nun ce l'ammo maje  'mparato 
nun ce l 'ammo maje' mparato 
chi stu criato.





 .















 .


lunedì 26 ottobre 2015

Malingarnèdi









          



Malingarnèdi






   
Melagrane







La matena l'è fresca, l'erba bagnèda
e a e dopmezdè, e'sol
e'scapa a fadiga 
d'int la nebia.

Am mett spessa la finestra dla cusena

e aspèt,  che e 'sol l'azenda al malingarnèdi
sora la piènta.


Queli piò grosi agl'è zà spachi 

Da che tai, e'ros dl'instèda 
ancora ut imbarbaia
Com ona fiama c'la sbarlòcia viva
int'la campagna morta

Os- cia ...s'alm fa voia!
A vag a coili ... ali sgarn.
Cal garneli in boca
al fa strenz i oc

cum e'suzèid quand scapòzz 
int un arcord
ad quand cirta burdèl.


Che spac int la malingarneda
ut spalenca un mond
Com una ragaza
c'la t 'arves al gambi, la prema volta.
T 'vi la madona ad oc ciùs
E 'cor e va in gola.
Toc e 'cor de mond:
matur e serb, a e stess temp.

Ut pis stè inc la vartezna:

ad oc cius, vdei gnasquèl
tuchè da che spàc 
e'punt esàt do che bat
e'gost masè dla vita.
      Il mattino è fresco, l'erba bagnata
   e il pomeriggio, il sole
   esce a fatica 
dalla nebbia.

   Mi metto alla finestra della cucina

   e aspetto che il sole accenda
   le melagrane sulla pianta.


   Quelle più grosse sono già aperte

   Da quel taglio, il rosso dell'estate
   ancora splende e ti acceca.
   Come una fiamma che arde viva
   nella campagna morta.

   Ostia, ...se mi fanno voglia!
   Vado a raccoglierle... le sgrano.
   Quei grani in bocca
   fanno stringere gli occhi

   come succede quando inciampi
   in un ricordo
   di quand'eri bambino.


   Quello spacco nella melagrana
   ti spalanca mondo.
   Come una ragazza 
   che ti apre le gambe la prima volta.
   Vedi la madonna ad occhi chiusi.
   Il cuore sale in gola.
   Tocchi il cuore del mondo:
   maturo e acerbo, al tempo stesso.

   Ti piace stare in quella vertigine:

   ad occhi chiusi, vedere ogni cosa
   toccare attraverso quello spacco
   il punto esatto  dove pulsa 
   il gusto segreto della vita.








.


.


















.









.






lunedì 5 ottobre 2015

Frammenti di meditazione...

                                                                         .
.



                                                                                     ..
                                                .


.




.


.








.



.








.

                                        .

















                                                                              .
..




.

.











 .




.

 .

 .


 .

 .

 .

 .



 .

 .

 .




 .





Andare. Una domenica mattina.
.

Andare all’inizio dell’autunno, quando le nuvole riempiono il cielo, impigliandosi sui monti più alti,  mentre a tratti la pioggia crepita sui rami.
_ 

Andare ai primi d'ottobre per salire oltre i mille metri, fino allo spartiacque con la Toscana e di lì entrare nel grande parco immerso nel silenzio. Andare per poi scegliere un sentiero un po’ a caso. Perchè non è importante... perchè ciò che conta è andare, un passo dopo l’altro. Fino a sentire la bellezza del cammino...fino a quando l'attenzione si svuota d’ogni altro pensiero che non sia il respiro, il battito,  il ritmo dei passi. 

Camminare fino a sentire la gratitudine di avere due piedi che sanno affrontare ogni tipo di terreno. Sentirsi a tratti persino un po’ invincibili. In questo istante potrebbero danzare i terremoti e le montagne saprebbero sollevarsi ancora più imponenti verso il cielo ma tu rimarresti la formica che sale il sasso e il masso e la parete scoscesa, forte della sua piccolezza e delle sue minuscole zampette. Farsi riscaldare dalla certezza d'avere due piedi in contatto con il terreno, con l'erba e il fango, con ogni ondulazione del sentiero. Sentire di camminare non su materia inerte ma su tessuti vivi. Dentro il tiepido e gentile fiato che evapora dal bosco.
.
Arrivare a immaginare i propri passi sulla pelle di questo immenso animale vivente che è il pianeta. Avvertire ogni passo come una carezza che noi umani facciamo a questo sconfinato essere.

Andare, una domenica mattina  quando tutto scompare nella mente e perfino la settimana da cui provieni, scolora lontanissima, laggiù, fra le foschie delle pianure ormai alle spalle…

Il sentiero risale la costa e poi sbuca improvviso  sulla cima del crinale… alla tua destra il mare dei calanchi e delle valli verso la Romagna…a sinistra le catene di rilievi verdi e blu immersi nella lontananza del Casentino e tu sei lì che avanzi sospeso dentro questo cammino di grazia...  il sentiero che curva dopo curva, ti presenta l’infinita varietà dei colori di ottobre.

Il cielo si oscura. Le nuvole già basse avvolgono i boschi più alti…poi, s’alza il vento…tremano le cime degli alberi e una cascata d’oro riempie l’aria. Foglie... come preziosi riflessi dorati  scendono a terra e incendiano il sentiero o si stagliano luminose contro il nero del temporale imminente.
.
Andare e ascoltare i piedi, le mani, la pelle del viso, il fresco delle folate che ti gonfia la maglia e ti fa sentire più vivo,   come una fiamma ravvivata da una carezza d'aria più fresca.



.
.





Il vento si ferma. Paiono fermarsi perfino le nuvole. Il cielo ora, è un soffitto morbido di nuvole basse che galleggiano adagiate sulle cime. Trattiene il fiato il bosco… una colonna di formiche rientra sotto un deposito di pietre...e i tuoi piedi avanzano sul bordo dello sterrato.
Crepita sempre più vicina l’onda di pioggia sulle fronde più alte… 
Infine piove...e ci si sente benedetti dalle gocce che scendono sulla faccia.
.
Allora rallenti e sistemi lo zaino sotto il poncho. Indossi un berretto e sopra, il cappuccio impermeabile.
Ti guardi un secondo e ti accorgi che quel poncho finisce per somigliare a un saio. E tu che non sei frate e non sei monaco, sorridi al pensiero che il tuo camminare indossa la stessa devozione di un francescano. La Natura è il tuo santuario. La gratitudine è la tua fede incrollabile nell’ospitalità che offre il pianeta.
.
Riprendi il ritmo. Il terreno spiana e poi ridiscende, mentre tu contempli il dipinto che si presenta ad ogni curva del sentiero. Ogni rumore che proviene dal bosco ti attraversa. Ogni raggio di splendore dalle foglie che cadono in una instancabile danza verso il suolo, ti raggiunge e ti commuove. Le foglie dorate sotto il crepitare della pioggia si staccano, come non aspettassero altro che quelle gocce per abbandonarsi al futuro, all’aria, al volo.

Cammini del tuo passo fra il vento, l'acqua e la musica della foresta percorsa dalla pioggia.. 
.
Poi la strada giunge a un tornante mentre gli alberi si aprono e ti fanno intravedere la vallata e i mille colori dei versanti che hai di fronte.
:

Sei un nulla ora, un nulla che cammina... l'andare ti ha svuotato dei tuoi vecchi pensieri… e tutto hai lasciato, per divenire infinita  leggerezza. 
.
Tutto ti riempie, perché tutto hai lasciato andare… sei leggero come  una foglia, capace di lasciare ogni tipo di ramo e di pensiero consueto, fino ad aprirti alla pura presenza. Sei solo presenza. Senti, aspiri, ascolti, vivi. Accarezzi la dimensione del prodigio. Non sei più uomo persona, maschio o femmina, umano o bestia. Sei coscienza... della tua piccolezza, del tuo scomparire per fare posto a qualcosa che ti sovrasta e colma ogni tua fibra...

La pioggia si attenua ed arrivi ad un cartello del Parco. C’è una coppia di camminatori sotto un ombrello e scrutano la cartina dei sentieri appesa al legno.
,
Dove siamo? – fanno…

Siamo quì – rispondo, indicando col dito il punto rosso, scolorito sulla cartina
"Quello è il sentiero per Pietrapazza e di lì si va verso Santa Sofia”.

Ascolto la mia voce pronunciare quelle parole, ma dentro son perplesso...
.
Fra tante, che fosse quella, la risposta che gli dovevo? 



 .


 .


 .

 .


 .


 .

 .

 ..

 .

 .

 .

 .


.. 

. .

. .


 .

 .

 .





.



.

.




.

.


.

.




.

.


.

.





.








.


.





.












.













.


.



.










.







giovedì 3 settembre 2015

Un porto, al tramonto.




.
                                                                                     .
                                                .
.




 .  .  .
 .
 .
. . .

Ascolta,
il tempo risuona del dolore antico
Ascolta,
il tempo è nuovo, ogni mattino

Fra i due suoni della verità
tu sei la barca a vela
che ondeggia. Sospesa.

 

Rintocchi, cigolii
riempiono l’aria del tramonto
Un lungo ripetuto
tintinnare metallico
Gli alberi delle barche del porto
riempiono l’aria
vibrando, come grida di gabbiani


La brezza dal largo

percorre lo spazio del porto antico

Come i pensieri…
Bozzolo di opportunità future
Deposito di gioie e sventure
di là da venire.

Vento che accarezza il viso
Vento che dilata gli occhi

Respiro che ci solleva
dentro il crepuscolo
nell’inconsistenza del mondo

Ascolta…

 ..
 .
 ..
 ..
 .  .  .
 .  .  .
. 
   
                                                                          .
.

.
 .
.  .  .
 .  .  .  .
 .  .  .
 .


Da dove ricominciare se non dall’umile e sotterranea magia che attraversa il mondo?

Da quegli attimi che costellano il tempo e il nostro accostarci  al mistero?

Specialmente  la sera. Specialmente al tramonto.
Quando la frenesia degli uomini e delle cose dirada, lasciando spazio fuori e dentro di noi, ad una pausa, ad un rallentamento. 
.
E’ il momento in cui i nostri pensieri mutano frequenza. I pensieri brevi e pesanti del giorno scompaiono per essere sostituiti da pensieri lenti, finissimi e inclusivi.  Pensieri che paiono dilatarsi fino ad abbracciare ogni angolo del Reale. La superficie del mondo improvvisamente appare diversa… non più uniforme come quella tela o quel dipinto che si è offerto per tutto il giorno ai nostri occhi.
.

La realtà allora si mostra nella sua completezza fatta di pareti, di aperture, di abissi, di varchi. Di possibilità appena intraviste o intuite durante il giorno e di remote direzioni, considerazioni, scoperte, eventualità, emozioni all’inizio della sera.
.
Lentamente la recita degli oggetti, sullo schermo che è il nostro tempo diurno, pare cadere come un telo, fino a depositarsi ai nostri piedi.



La realtà si mostra in tutte le sue componenti: terreno saldo, scie in cielo ed in mare lasciate da remoti battelli bianchi che sono sfuggiti alla nostra coscienza. E ondate di antichi profumi,  di  ipotesi, di dubbi e lentezze che risucchiano ogni nostra attenzione. 

E’ il momento in cui diviene possibile percepire  dei varchi… delle aperture  di questo nostro universo, da cui accedere ad un’altra dimensione.

Perché è così che la magia e la bellezza del reale ci viene incontro e si lascia accostare, fino al punto esatto in cui la coscienza del nostro essere si fonde con la consapevolezza di ogni cosa fuori di noi.
:
E’ il momento in cui può accadere che ci sentiamo un tutt’uno con il luogo in cui ci troviamo, oppure, con ricordi remoti come rocce e scogli e profili di lontane ed ignote coste che sprofondano piano nell’oscurità...

E così, oggi, mi piace parlare della magia dei porti al tramonto. 

La prima volta che mi sono imbattuto  in questo varco del tempo, in questo accesso incustodito ad una dimensione “altra” è accaduto diversi anni fa. Mi trovavo in un territorio fino ad allora estraneo. Sulla coste del Lazio e su un mare quasi straniero per me: il Tirreno. 

C’era una  persona ad agevolare quell’incontro con un porto al tramonto: la ragazza che allora frequentavo.  Eravamo a Formia. Passeggiavamo nel tardo pomeriggio sul lungomare. Senza meta e senza fretta.

Semplicemente galleggiavamo in quell’aria luminescente della sera imminente. Ogni tanto scambiavamo parole, mentre giungevano aliscafi, motonavi, traghetti.  Le barche da pesca partivano per una notte in alto mare, mentre le piccole barche turistiche  tornavano lente da gite ed escursioni. 

C'era il porto sotto di noi, con il suo brulicare di voci e di uomini intenti alla cura delle imbarcazioni. Il sole scendeva fino a toccare l’orizzonte. Una tonalità calda di luce radente, prendeva  a illuminare ogni superficie. Così i nostri stessi volti avvampavano in quel chiarore.
.

Passò del tempo. Il sole scese sotto l’orizzonte e le ombre dilagarono sulle coste più lontane. Il porto si era svuotato di voci e persone. Restavano le barche ormai abbandonate e i gabbiani che salivano alla ricerca di qualche strato d’aria più calda.

Scendemmo i gradini che immettevano sulle banchine. Ora l’intero porto era sceso nella penombra e i profili delle imbarcazioni si incidevano contro il residuo chiarore che veniva dal mare. Il nostro passo si fece più lento. Le parole cessarono. Semplicemente andavamo, galleggiando in quell’imbrunire. Ad un punto, ci trovammo ad una svolta: di lì iniziava il porto antico.
Dietro di noi l’opus reticulatum antico di millenni, le cavità buie colme di reti. Davanti a noi la fitta foresta di alberi e funi tese attraversata dalla brezza marina che rinforzava.

Ci sedemmo. Non eravamo che occhi orecchi pelle e commozione. Come davanti ad un rito, come davanti ad una rivelazione.

“Ascolta”-  disse Lei -  "Sai ...dopo un giorno di studio o di lavoro, la sera vengo qui a rilassarmi… vengo a sedermi in quest’angolo e mi lascio incantare da questo momento, dal suono degli alberi mossi dal vento. Dal rumore basso delle onde che incontrano i moli e le barche. Li guardo uno per uno quegli alberi! Mi chiedo i giorni che hanno visto, le città costiere da cui provengono, i mattini di sole dentro cui sono stati immersi."

Non la guardavo... fissavo il disegno che componevano sul cielo ormai scuro il reticolo degli alberi delle barche, ma le sue parole mi scavavano dentro. Avvertivo un nuovo spazio allargarsi dentro il petto. Una cavità in espansione entro cui sentivo sciogliermi.  


"Prova ad ascoltare…non  sembra una musica? E’ come un concerto la sera. La gente a quest’ora è andata a cenare…ma qui è come una festa… tintinnano gli anelli delle gomene, sbattono all’aria le bandiere e i pennoni rimasti su in alto."

Annuii. Con lo sguardo dentro la residua luce traslucida che proveniva dall'orizzonte. Un chiarore fioco e quasi soprannaturale nell'aria piena d'echi e suoni metallici.  Uno spazio oscillante come l'intero porto attraversato dal vento. E il vento sul viso era un nuovo e diverso respiro. Quasi una vertigine. 

Era ormai buio, ma quella magia non finiva.

Traboccò in un bacio lunghissimo, ad occhi chiusi, la commozione. 


Noi pieni di fruscii. Di vento e di nulla. 

.

.
 .  .  .
 .  .  .
 .  ..  .  .  .
 . ..  . . . .
 .  .  .







.

.







venerdì 28 agosto 2015

GIRO DI VENTO







Foto cklimt.

.





 .
 .
 .
 .
    

          Si ritorna. Come torna settembre


          Ad annusare l'odore di pioggia

          Ad ascoltare la carezza

          della pioggia sul mondo.
.
          Sui tetti, sui davanzali, sui vetri

          sui selciati e sui prati

          L'erba torna a brillare di verde

          nell'orizzonte degli occhi chiusi.

.
.

          Così le parole.
.

.

          Dopo il deserto dell'estate

          le parole riprendono.

          Le ritrovo. Una ad una.

:
.
          Meraviglia.

          Conchiglie da avvicinare, 

          lente all'orecchio

          che attende il loro traboccare

          in  suono di mare


.
.
          Mare remoto. Mare d'infanzia.

          Mi accosto piano, timoroso

          di non urtare la loro divinità


.
.
          Dopo il silenzio

          provo a riconoscere, per le strade

          i  passi incerti della mia voce.
.
.
.
.
.
.
 .
 .
 .
 .




.
  

Foto cklimt.





.

.