Come il sangue dalle vene...

.
  .

.




.

.


.



.


 ..
 .
 .
 .
 .
 .
C’è una dolcezza giù nella vita
che non cambierei con niente
di ciò che appartiene al cielo.
E’ quando chissà da che
perché cominciano
tra due bocche estranee sino ad allora
i miracoli tiepidi d’aurora
dei baci...

_ 
_
         [ Giuseppe Conte  - 1945 ]
.
.
.
.
.

L’amore vero, tu lo sai, è volere
la gioia di chi non ci appartiene

.
E'  questo uscire, 
traboccare da se stessi 
come il sangue dalle vene
per un taglio,
è l’irrinunciabile
amore energia mutabile eterno bene.
_______________________
 .
          [ Giuseppe Conte ]
 .
 .


.

.

.

Commenti

  1. Bellissime le due poesie, ciao Carlo :-)

    RispondiElimina
  2. E pensare che di Giuseppe Conte sapevo pochissimo. Buona giornata e buon profumo di mirto! :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari