OGGI HO DISEGNATO SU UNA PIAZZA



.

Oggi che la mia città, Cesena, è sepolta dalla neve mi è tornato in mente un vecchio Post a cui sono molto affezionato.
.
Un post, addirittura del febbraio 2005.
.
E' passato del tempo, eppure la neve di questi ultimi giorni mi riporta a quell'atmosfera di allora e a quegli stessi interrogativi.






photo by cKlimt
.


.

.

.










_
._

23  febbraio  2005






Oggi è nevicato tutto il giorno su Cesena.
.
Esco dalla libreria in piazza. Sono le cinque
di pomeriggio e non c’è nessuno in giro.

Piazza del Popolo è una distesa immacolata.
C’è un senso di straniamento: un altro luogo
e un altro tempo.  E silenzio...
un impressionante e inconsueto silenzio.
.
Un silenzio che crea come il senso
di una stanza vuota e accogliente.

.
La piazza, l’intera piazza
è come una stanza vuota.
Una pagina bianca che attende
mentre anche la fontana sepolta
adesso 
è muta.
...
 
Mi avvio, costeggiando i muri delle case
quasi timoroso di calpestare la candida coltre.
.
Guardo per terra.
Osservo bene dove appoggio i piedi...
e,  come i passi, tutti i passi
delle persone che mi hanno preceduto,
senza saperlo, hanno creato dei percorsi
che altri, a loro volta, hanno seguito.
E questo sovrapporsi di orme alle orme,
ha finito per disegnare un sentiero.

.
Certo, si cammina più spediti sul sentiero...
.
Mi fermo...
esco dal sentiero tracciato.
.
Con una crescente gioia
metto i piedi sulla neve non calpestata,
perfettamente bianca.
.
Puro bianco.  Metafisico bianco.
Un bianco talmente bianco
che non pare di questo mondo.
.
.
Avanzo sulla neve...
il sentiero ormai distante.

Seguo un'altra rotta
e guardo...
la linea dei passi che lascio...
.
Diverge.
.

S'allontana dai muri delle case
punta al centro della piazza e lascia un segno
una linea, una traccia
un tratteggio di passi più scuro sul bianco

.
Sto scrivendo?   Sto disegnando?
 _

..
.

Ora riprende a nevicare più fitto...
.
Mi immagino di guardare dall’alto la piazza
come fossi un uccello...

-.
Ma che penseranno gli uccelli, dall’alto,
di tutti questi solchi e sentieri che lasciamo ?
..
Questi segni scuri, questa scrittura...
Questi disegni, tracciati 
col nostro camminare sul mondo
..
Tutti quei segni che noi, da qui
non leggiamo… che non sappiamo interpretare.

..
Saranno parole, le nostre ?
Saranno figure?
.
Minuscoli segni per noi... che dall’alto, magari,
si comporranno a formare compiute figure?

..
.
.
Si fa notte.
Sorridono gli occhi... Torno a casa.

Oggi ho disegnato su una piazza

_
 
_
 
P.S.
_

Vado a casa.
Ho metri di neve da spalare.
C’è da liberare il garage. La pala
e i moon boot sono in cantina.
.
Dopo il disegno... in fondo,
anche la scultura, m' è sempre piaciuta.

                                     
                                       [ k ]



.
.




.




.








.





.

Commenti

  1. A me piace la neve, basta che non esageri. Saluti da Salvatore. "Belle le immagini!"

    RispondiElimina
  2. Ah, beh, l'immagine notturna mi piace tantissimo. W la neve! ecco, magari facesse un poco meno freddo ;)
    E comunque vedo che è una buona "musa" :)
    Abbracci
    Ars

    RispondiElimina
  3. che belle foto e che bel post cKlimt.
    piace molto :-)

    RispondiElimina
  4. ... Oggi era la neve ieri, forse, la sabbia o il fango ma sono niente al confronto dei tanti disegni che sono rimasti invisibili. Nascosti allo sguardo, tracce di percorsi sovrapposti o sfiorati o evitati. Orme invisibili che qualcuno, inconsapevole, a caso, ha seguito.

    RispondiElimina
  5. è bello leggere i tuoi post!

    RispondiElimina
  6. Quando si cammina in montagna e le distese bianche sono infinite, avresti di che divertiti a leggere le impronte.
    Uomo di fantasia ... spesso i tuoi pensieri sono i miei !

    RispondiElimina
  7. meraviglia!
    lo dico sempre anche io
    non siamo che timbri
    per la neve!

    RispondiElimina
  8. Bel post!La foto mi incantano.
    Un saluto.
    Mara

    RispondiElimina
  9. Bellissima poesia... Ma la neve richiama sentimenti ed emozioni sopite, poichè oltre ai disagi che provoca (sarò prosaica ma sono innegabili) fa vivere anche atmosfere surreali e rarefatte... quasi ci proiettasse su pianeti cui ci è dato di rado andare...

    RispondiElimina
  10. “E allora la sentì, agli inizi molto debolmente e tuttavia distintamente. Sentì la neve cadere lenta nell’aria, ogni fiocco con un suono proprio e distinto e non ostacolato nella caduta così che i suoni di tutti quei fiocchi non mescolavano né stridevano ma si fondevano invece in un canto, quello della neve, che lui sapeva che pochi avevano mai udito. E, pur restando dolce, quel canto diventava sempre più forte mentre lui era sempre più assorbito dalla luce, diventava una cosa sola con la luce…e alla fine non ci furono più piedi che lasciassero impronte né corpo né occhi che brillassero ma soltanto luce e suono e gioia pura ed eterna. Niente passato, niente futuro, niente, neppure un presente, unicamente la nuova gioia che non conteneva ricordi di angustie e lotte e sofferenze…unicamente la nuova gioia…e capì che sarebbe potuto restare lì per sempre.”
    (Canto della neve silenziosa - Hubert Selby Jr)

    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  11. Che bei pensieri..Mi hanno rapita nel loro svolgersi. Hai fatto bene, allora, ad abbandonare quel sentiero per dare vita al tuo disegno. Forse la neve cade per ricordarci che sappiamo creare, che possiamo farlo in moltissimi modi dei quali, purtroppo, non siamo forse tutti così consapevoli.
    un abbraccio,
    Fede (la terrestre)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari